Il Progetto di Educazione Sanitaria e il mondo della scuola

Il Progetto di Educazione Sanitaria e il mondo della scuola

xxx

1

Coinvolti 25.000 studenti

Cambiamento nella continuità: è l’ossimoro che ha caratterizzato il Progetto di Educazione Sanitaria riservato agli studenti degli Istituti Comprensivi di Busto Arsizio – Gallarate – Castellanza e Valle Olona e patrocinato da qualificati Enti Istituzionali pubblici e privati.
L’articolato percorso in-formativo coordinato da un’équipe medica con l’obiettivo di sensibilizzare i giovanissimi su problematiche che possono incidere sul loro sviluppo psico-fisico, sta ottenendo anche l’adesione di docenti e genitori valorizzando così l’iniziativa varata nel 2015.

Infatti, le tabelle riportate evidenziano il notevole impianto promozionale perché le cronache quotidianamente riportano episodi che alterano gli equilibri determinanti per la formazione del cittadino di domani.

Il Progetto di Educazione sanitaria, il più recente fiore all’occhiello dell’Associazione Enrico Dell’Acqua, attraverso il collaudato modello

operativo, registra i primi risultati positivi che interagiscono verso una maggior responsabilità individuale, propedeutica anche al contenimento delle risorse del Servizio Sanitario Nazionale. Inoltre, la notevole partecipazione di Docenti al recente corso “Formare per informare” ospitato dalla LIUC a Castellanza, ha rappresentato un innovativo e condiviso completamento didattico.

Se alcool e droga sono stati gli argomenti più gettonati, l’introduzione del bullismo e del digitale sottolineano motivazioni particolarmente efficaci per verificare i rapporti intrapersonali. Al pari dell’ambiente che senza una programmata prevenzione, subisce ingenti danni che sconfinano, spesso, nella perdita di vite umane. Un dramma, quanto verificatosi nel Novembre 2019, che per il “sistema Italia” è risultato il più devastante evento climatico degli ultimi decenni. E il pianeta-terra, ad iniziare dall’Amazzonia – dove la deforestazione ha raggiunto il 40% scatenando un disastro ecologico perché l’umanità utilizza il 20% delle sue risorse idriche – richiede interventi straordinari che il mondo della scuola può interpretare con la consueta passione.

E il Progetto di Educazione Sanitaria, che si concluderà a Maggio 2020, rappresenta il classico modello di come il volontariato può contribuire a migliorare lo stile di vita e suscitare ampie condivisioni.
Per le generazioni future si aprono quindi nuovi orizzonti e interessanti prospettive (S.C.)

 

No comments

Leave a reply

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *